Pasticceria

Le immancabili delizie nella vetrina di una pasticceria: i dolci con la pasta sfoglia

Scritto da  | 

I dolci con la pasta sfoglia sono tra i più amati della pasticceria di tutto il mondo e per questa ragione sono un vero e proprio must da esporre in vetrina, per catturare l’attenzione dei clienti e invogliarli a degustare le molteplici bontà che compongono la vostra offerta in negozio.

La pasta sfoglia, preparata con elementi base come farina, acqua e burro, è impastata e lavorata abilmente dal pasticcere e, grazie alla sua consistenza unica, croccante, friabile e leggera, si sposa perfettamente con tutte le farciture, in particolare quelle composte con la frutta candita o le confetture extra ed è perfetta per essere decorata con le più disparate granelle o i granuli multicolore.

Per una vetrina accattivante, i dolci con la sfoglia sono perfetti grazie a forme, farciture e dimensioni differenti, date dalla creatività del pasticcere. La pasta sfoglia, infatti, è estremamente versatile e si presta in maniera ottimale per la realizzazione di molteplici bontà: i croissant, deliziosi se farciti con un ripieno di confetture extra o farciture di frutta; le golose sfogliatelle, ricche di ricotta e frutta candita; i prelibati cannoncini, decorati nei lati con le granelle di zucchero o pralinate o la ghiotta millefoglie, composta da tre strati di pasta sfoglia, che si alternano con due strati di crema, panna o confettura extra.

Quando il cliente sceglierà dalla vetrina il dolce con la sfoglia e ne assaporerà la sua bontà, non potrà non ringraziare la vostra pasticceria per quell’esplosione di gusto, ma anche quel pasticcere che – come narra la leggenda – inventò questo dolce capolavoro da un banale errore: nell’impastare una normale briseè si accorse di aver dimenticato il burro e per riparare al danno fatto cominciò ad aggiungerlo sulla parte esterna della pasta. 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle novità? Iscriviti alla nostra newsletter.








Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.